🇬🇧 English    ðŸ‡®ðŸ‡¹ Italiano

DELPHINUS BIOTECH
Bellerofast: 

​​una Molecola Innovativa contro i CORONA VIRUS

La molecola serve a proteggere in modo innovativo le superfici, uccidendo tutti i batteri ed i virus già presenti o che si depositino successivamente sulle superfici stesse. La protezione è attiva anche contro i virus appartenenti alla famiglia Coronavirus.

Facebook

Linkedin

DESCRIZIONE SCIENTIFICA

(PGIP),  proteina inibente le poligalatturonasi è una proteina ripetitiva ricca di leucina coinvolta nella difesa ambientale.

Le proteine che inibiscono la poligalatturonasi PGIP sono componenti strutturali della parete cellulare delle cellule vegetali, che appartengono alla superfamiglia delle proteine dette ”leucine zipper” [1]. Esse interagiscono con diverse proteine interne appartenenti all'ambiente del citoplasma, le PGIP sono una classe di proteine specializzate per la risposta tra proteine e proteine e possono auto catalizzarsi se si concentrano , in particolare con endo-poli-galatturonasi o altri enzimi che causano  interazioni tra PGIP  ed i microrganismi con la parete cellulare delle piante.

Tramite l'inibizione dell'azione enzimatica derivante dal microrganismo e la possibilità di accumulare molti PGIP nel sito della pianta lesionata possono organizzano la loro difesa aggregandosi.

Il tipo extra-citoplasmatico di PGIP è un'altra classe di queste proteine omologhe alle citate in precedenza, svolge un ruolo cruciale nello sviluppo di un tipo di difesa che potrebbe essere utilizzata dalla clonazione, il campo delle biotecnologie.

La struttura PGIP è caratterizzata dalla presenza di due chinasi recettoriali e rivela una superficie caricata negativamente sugli inserti su la LRR (regione ricca di leucina) sulla faccia concava idrofobica, coinvolta nel legame con sostanze esterne.

Grazie a una tasca negativa corrispondente all'LRR, osserviamo una regione idrofobica comprendente due recettori in grado di ridurre tutto ciò che è in contatto con l'azione di una reazione ossido riduttasi.

La maggior parte dei microrganismi, batteri, funghi e virus deve avere una violazione della barriera epiteliale per ottenere l'accesso ai tessuti che producono danni. L'uso di PGIP puo’ essere evitata solo quando PIGIP è in contatto con microrganismi.

Nelumbo nucifera è il nome scientifico della pianta di loto, le foglie di questo vegetale sono ricoperte da un tipo speciale di cera, una glicoproteina tetramerica con quattro regioni idrofobiche responsabili del cosiddetto "effetto loto" [2]. Per effetto loto intendiamo una proprietà delle foglie e dei fiori di Nelumbo nucifera: sono altamente super idrofobici, tanto che qualsiasi struttura entri in contatto con questo cristallo scivola via. Utilizzando una tecnica di biologia molecolare, mediante una proteina esca espressa come fusione usando per creare un costrutto GAL4 DNA-BD/  pGBKT7, plasmidico. Il risultato della fusione, è l'innovazione.

Gli esperimenti condotti in campo biochimico durante tre anni di sperimentazione hanno portato a risultati convincenti: ogni qualvolta una muffa o un batterio gram positivo - molto più resistente di un virus - sono entrati in contatto con gli estremi riducenti della leucina, sono sempre stati distrutti. Le ripetizioni degli esperimenti hanno dimostrato come ogni molecola sia in grado di neutralizzare fino a 4  microrganismi, garantendo in tal modo un’azione protettiva estremamente efficace.

[1] Raviraj M. Kalunke1 et al. - An update on polygalacturonase-inhibiting protein (PGIP), a leucine-rich repeat protein that protects crop plants against pathogens  - Plant Sci., 20 March 2015

[2] Hans J. Ensikat et al. - Superhydrophobicity in perfection: the outstanding properties of the lotus leaf - Beilstein J. Nanotechnol. 2011

PATENT PENDING
USPTO EFS ID 38859578 
APPLICATION NUMBER 62989067
CONFIRMATION NUMBER 5360
DATE: 13 MARCH 2020

Delphinus Biotech 

Delphinus Biotech è una start-up innovativa italiana che ha sviluppato una molecola antivirale a lunga resistenza chiamata Bellerofast(*). La ricerca e lo sviluppo sono state effettuate totalmente in Italia da ricercatori italiani negli ultimi otto mesi. 

La molecola serve a proteggere in modo innovativo le superfici, uccidendo tutti i batteri ed i virus già presenti o che si depositino successivamente sulle superfici stesse. La protezione è attiva anche contro i virus appartenenti alla famiglia Coronavirus.

Un disinfettante ha la funzione di uccidere il virus quando quest’ultimo è già presente sulla superficie. I disinfettanti a base di alcool o cloro, ovvero quelli usati comunemente, hanno la limitazione di durare solo alcune ore sulle superfici le quali, dopo che il prodotto è evaporato, rimangono scoperte agli attacchi virali. 

Bellerofast(*) non è solo una molecola disinfettante ma bensì un neutralizzatore di virus che funziona attraverso un principio chiamato trappola biologica. Bellerofast(*) neutralizza immediatamente i virus presenti, ma è stato progettato per una durata di più giorni. 

Quando i virus vengono a contatto con la molecola Bellerofast(*) spruzzata sulla superficie, sono eliminati all’istante e la protezione dura per diversi giorni. Ad esempio, il Coronavirus Sars-Cov2 può rimanere attivo fino a 9 giorni su superfici che non possono essere trattate in maniera costante e continuativa.

Bellerofast(*) è stato pensato per proteggere le superfici di tocco che sono veicolo di trasmissione per la propagazione dei virus, come ad esempio le maniglie di casa, i maniglioni dei grandi centri commerciali, i carrelli della spesa, i sedili dei mezzi pubblici ma anche gli schermi dei telefonini, i portafogli, le tastiere dei computer, nonché scarpe e vestiti. La molecola è adatta ad essere utilizzata sulle grandi superfici, ossia spruzzata sulle strade, sui pavimenti e sui muri, al fine di neutralizzare i virus in modo veloce ed efficace creando così un ambiente protetto e sicuro.

Bellerofast(*) è una molecola di fusione che nasce dalla combinazione di geni di origine vegetale, assolutamente non tossica per l’organismo umano, ed utilizzabile per la protezione anche delle mani dall’attacco di virus e batteri. È trasparente, inodore, incolore e innocua in caso di ingestione involontaria.

Delphinus Biotech intende essere parte attiva nella lotta contro il Coronavirus, pertanto concederà al Governo Italiano la licenza di produzione fino alla fine dell’emergenza sanitaria nazionale. 

Delphinus Biotech darà pieno supporto ai tecnici del Governo Italiano al fine di essere efficaci, veloci ed efficienti nella produzione, distribuzione e utilizzo del prodotto derivante dalla nuova molecola Bellerofast(*).

(*) PATENT PENDING

Delphinus Biotech S.r.l. – Start-up innovativa
Sede legale: Via Roberto da Sanseverino 95, Trento (TN), ITALY
mail@delphinusbiotech.com